Contaminazioni alimentari: il cibo che uccide l’uomo

I media ci hanno messo in guardia: la trasmissione di malattie attraverso gli alimenti non è da sottovalutare. La conferma ci arriva da un recente studio compiuto negli Stati Uniti. I dati ottenuti da alcuni programmi di controllo hanno evidenziato come alcuni episodi di malattie a trasmissione alimentare siano da prendere in considerazione nello stanziamento delle risorse e negli interventi per la sicurezza degli alimenti e di coloro che ne fanno uso.

Uno studio del 1999 effettuato dai Centers for Disease Control ha riportato le stime relative alle malattie a trasmissione alimentare, ai ricoveri e ai decessi avvenuti negli USA. Attraverso questa ricerca si è arrivati ad identificare i limiti metodologici e le lacune che vengono colmate con il passar del tempo dai nuovi dati raccolti.

  • Questa pubblicazione contiene le stime relative ai principali agenti patogeni che hanno causato malattie a trasmissione alimentare negli USA dal 2000 al 2008.
  • Sono stati analizzati dati annui relativi alle malattie a trasmissione alimentare, ai ricoveri e ai decessi causati da 31 agenti patogeni. Su 37,2 milioni stimati di malattie causate da questi 31 agenti patogeni negli USA, 36,4 milioni di malattie sono state contratte in casa e 9,4 milioni sono state trasmesse per via alimentare.
  • I maggiori patogeni che hanno coinvolto l’essere umano in malattie a trasmissione alimentare sono stati: norovirus (58%), Salmonella spp. non tifoidea (11%), C. perfringens (10%) e Campylobacter spp. (9%).
  • Nell’insieme questi 31 agenti hanno causato 55.961 ricoveri negli Stati Uniti, di questi il 35% sono stati provocati da Salmonella spp. non tifoidea, 26% norovirus, 15% Campylobacter spp e un 8% da T. gondii.
  • I 1.351 decessi attribuiti a malattie a trasmissione alimentare sono dovuti nel 28% dei casi studiati a Salmonella spp. non tifoidea, 24% T.gondii, 19% L. monocitogenes e 11% norovirus.

Con questo studio si è così riusciti a mettere in evidenza quali siano i microrganiscmi che mettono ogni anno a rischio di malattie, ricoveri e decessi la popolazione americana e, di conseguenza, quella mondiale per mettere in atto una contromossa in grado di arginare, e in futuro evitare, contaminazioni alimentari per l’uomo.

 

fonte: Sandy Field, for Excerpta Medica From Emerg Infect Dis. 2011; 17:7-12.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...