160 ripetizioni per imparare una nuova lingua

Tutti possono imparare una lingua straniera e il tempo di apprendimento non è diverso da persona a persona. Via ogni comune credenza che esistano persone più portate: un idioma sconosciuto si impara, calcolatrice alla mano, una parola ogni 14 minuti. Basta ripeterla 160 volte e il cervello la fa propria dopo aver creato nuove connessioni neuronali pronte a “ospitare” la nuova acquisizione. Lo studio, condotto dai neuroscienziati dell’Università di Cambridge e pubblicato sul Journal of Neuroscience, ha messo quindi in evidenza che il processo di acquisizione delle parole avviene molto più velocemente di quanto si pensasse.
Yury Shtyrov e colleghi hanno ottenuto i risultati dopo aver posizionato degli elettrodi sulla testa di 16 volontari sani per monitorare la loro attività cerebrale: prima hanno registrato gli impulsi generati dall’ascolto di una parola familiare e poi di una parola inventata, fatta ascoltare più e più volte. Dopo 160 ripetizioni in 14 minuti, i ricercatori hanno rilevato tracce mnesiche nuove “virtualmente indistinguibili” da quelle stimolate dalla parola familiare.

Oltre alla modalità di apprendimento di nuove lingue, “questa ricerca potrebbe rappresentare una nuova tecnica di riabilitazione per le persone con danni cerebrali, come ad esempio i pazienti colpiti da ictus, dando la possibilità al cervello di creare rapidamente le tracce di memoria”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...