Sifilide: ogni giorno un nuovo caso

È di un nuovo caso al giorno il bilancio della sifilide, malattia diffusa in particolare fra i giovanissimi. Il dato si riferisce ai ragazzi milanesi fra i 14 e i 24 anni, ma è probabilmente estendibile anche agli adolescenti di altre grandi città italiane.

Fra questi stessi giovani, l’HIV risulta il secondo tipo di infezione più diffuso. Lo ha comunicato Giampaolo Landi di Chiavenna, assessore alla salute del Comune di Milano, citando i dati del Centro Malattie Sessualmente Trasmissibili del Policlinico del capoluogo lombardo. Le infezioni di ordine sessuale sono dovute, com’è noto, in larga parte alla mancata informazione e di conseguenza a una carenza di educazione sessuale fra i più giovani.

La sifilide è una malattia genitale che causa ulcere ed escoriazioni e facilita la trasmissione dell’AIDS. Si trasmette da persona a persona direttamente attraverso le ferite e le ulcere che si formano nelle zone genitali, rettali e sulla bocca a seguito di contatto sessuale, ma anche per contatto diretto di mucose genitali integre di un soggetto infetto, attraverso sperma o liquido vaginale. La sifilide si sviluppa in diversi stadi, ciascuno caratterizzato da sintomi e decorso diversi. La malattia può facilmente essere trasmessa fin dal primo stadio.

Grazie a un semplice test diagnostico e a una elevata efficacia della cura antibiotica, è oggi una malattia potenzialmente controllabile dai sistemi di sanità pubblica. Se non è trattata adeguatamente però può causare danni al sistema nervoso, ai vasi arteriosi, disordine mentale ed eventualmente, morte. Le malattie sessualmente trasmissibili, e quindi anche la sifilide, possono essere trasmesse solo da un partner infetto a uno non infetto durante l’atto sessuale. Una buona misura di prevenzione è quindi l’uso di preservativi di lattice. Tuttavia, le ferite e le ulcere cutanee possono trasmettere l’infezione anche durante il sesso orale o qualunque altro contatto cutaneo con le zone infette. È quindi necessario fare attenzione a qualunque sintomo visibile. La scomparsa dei sintomi non è però indice dell’assenza di malattia, che anzi può essere presente ma in una fase latente. Solo un’efficace azione di educazione a comportamenti sessuali responsabili e rivolgersi ai servizi di salute per una diagnosi e trattamento precoci possono prevenire la trasmissione dell’infezione stessa. Il trattamento della malattia è facilmente ottenibile con l’uso dell’antibiotico penicillina. La preparazione, il dosaggio e la lunghezza del trattamento dipendono dallo stadio della malattia e dalle sue manifestazioni cliniche. L’efficacia di questo trattamento è stata confermata da molteplici casi studio, da trials clinici e da cinquant’anni di esperienza clinica.

Oltre al trattamento antibiotico, la persona infetta deve astenersi da qualunque attività sessuale con nuovi partner fino alla completa guarigione delle ferite. Inoltre, è necessario effettuare test diagnostici e trattamento anche sui partner sessuali del paziente.

Se hai dei dubbi o vuoi fare una domanda agli specialisti contattaci.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...