Vero o artificiale? Difficile ingannare l’occhio umano

Sono gli occhi la luce dell’anima. E su questo non ci piove neppure per i ricercatori del Dartmouth College (Usa) che hanno cercato di capire cosa consente agli uomini di distinguere volti umani da facce costruite al computer oppure dai visi delle bambole.

Per la ricerca pubblicata su Psychological Science, gli studiosi hanno usato la tecnica di morphing, sofisticato software che miscela due volti, scoprendo che a svelare subito che un volto è il frutto dell’elaborazione artificiale è l’inespressività degli occhi. “Sono questi che fanno la differenza tra oggetti animati e inanimati”, spiegano i ricercatori. Per decidere definitivamente se il volto è vero o finto, invece, il riconoscimento scatta quando la sovrapposizione dei volti – nel flusso del morphing – si trova ancora nella sezione “umana”.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...